Menu Chiudi

TORE PIANA SARDEGNA ZONA ARANCIONE – TROPPE COSE NON QUADRANO

SARDEGNA ZONA ARANCIONE

TORE PIANA SARDEGNA ZONA ARANCIONE – TROPPE COSE NON QUADRANO – IL PRESIDENTE SOLINAS HA IL DOVERE MORALE E POLITICO DI DIRE AI SARDI LA VERITA’ SU COME STANNO REALMENTE LE COSE. PERCHE’ NON E’ STATO PORTATO AVANTI IL RICORSO AL TAR? I DATI TRASMESSI DALLA REGIONE SONO GIUSTI E AGGIORNATI? I SARDI ORA PRETENDONO LA VERITA’ .I 30 POSTI LETTO DI SASSARI SONO IMMEDIATAMENTE OPERATIVI ? LA LOMBARDIA CON INDICE RT PIU’ ALTO E’ ZONA GIALLA

La notizia inaspettata di ritrovare la Sardegna ancora per una settimana classificata “ARANCIONE” con tutte le limitazioni che ne derivano è una decisione che i Sardi non si aspettavano proprio. I dati che le autorità sanitarie regionali indicano un indice RT a 0,81 rispetto alla Lombardia con un indice Rt 0,84 eppure noi siamo arancioni e la Lombardia diventa zona “GIALLA”. Oggi AGENAS (l’Agenzia Nazionale per i servizi sanitari regionali) afferma che in Sardegna “ non c’è più la pressione sugli Ospedali Sardi” La percentuale di pazienti Covid-19 ricoverati nelle terapia Intensiva rispetto ai posti letto disponibili resta ferma al 21 per cento per il secondo giorno consecutivo, ben sotto la soglia critica del 30 per cento, ciò nonostante restiamo in zona ARANCIONE. “ Troppe cose non quadrano, afferma Tore Piana, il Presidente della Regione Solinas ha il dovere morale e politico di dire ai Sardi come stanno realmente le cose” Perché non è stato portato avanti il tanto sbandierato ricorso al TAR? I 30 Posti letto inaugurati a Sassari, sono realmente a oggi operativi? I dati trasmessi dalla Regione al Ministero Sanità sono giusti e aggiornati? Sono questi gli interrogativi che tutti i Sardi si pongono, continua Tore Piana. Come movimento politico vogliamo sapere veramente cosa sta accadendo. Qui in Sardegna stiamo compromettendo irreversibilmente la prossima Stagione Turistica e questo non possiamo permettercelo, cosi come tutte le attività economiche che sono allo stremo e rischiano il collasamento da un giorno all’altro. Una situazione che oggi deve individuare in maniera chiara di chi è la responsabilità di questa situazione, conclude Tore piana a nome del movimento politico EPI SARDEGNA.

Cagliari li 30 Gennaio 2021 Ufficio stampa EPI SARDEGNA

– IL PRESIDENTE SOLINAS HA IL DOVERE MORALE E POLITICO DI DIRE AI SARDI LA VERITA’ SU COME STANNO REALMENTE LE COSE. PERCHE’ NON E’ STATO PORTATO AVANTI IL RICORSO AL TAR? I DATI TRASMESSI DALLA REGIONE SONO GIUSTI E AGGIORNATI? I SARDI ORA PRETENDONO LA VERITA’ .I 30 POSTI LETTO DI SASSARI SONO IMMEDIATAMENTE OPERATIVI ? LA LOMBARDIA CON INDICE RT PIU’ ALTO E’ ZONA GIALLA

La notizia inaspettata di ritrovare la Sardegna ancora per una settimana classificata “ARANCIONE” con tutte le limitazioni che ne derivano è una decisione che i Sardi non si aspettavano proprio. I dati che le autorità sanitarie regionali indicano un indice RT a 0,81 rispetto alla Lombardia con un indice Rt 0,84 eppure noi siamo arancioni e la Lombardia diventa zona “GIALLA”. Oggi AGENAS (l’Agenzia Nazionale per i servizi sanitari regionali) afferma che in Sardegna “ non c’è più la pressione sugli Ospedali Sardi” La percentuale di pazienti Covid-19 ricoverati nelle terapia Intensiva rispetto ai posti letto disponibili resta ferma al 21 per cento per il secondo giorno consecutivo, ben sotto la soglia critica del 30 per cento, ciò nonostante restiamo in zona ARANCIONE. “ Troppe cose non quadrano, afferma Tore Piana, il Presidente della Regione Solinas ha il dovere morale e politico di dire ai Sardi come stanno realmente le cose” Perché non è stato portato avanti il tanto sbandierato ricorso al TAR? I 30 Posti letto inaugurati a Sassari, sono realmente a oggi operativi? I dati trasmessi dalla Regione al Ministero Sanità sono giusti e aggiornati? Sono questi gli interrogativi che tutti i Sardi si pongono, continua Tore Piana. Come movimento politico vogliamo sapere veramente cosa sta accadendo. Qui in Sardegna stiamo compromettendo irreversibilmente la prossima Stagione Turistica e questo non possiamo permettercelo, cosi come tutte le attività economiche che sono allo stremo e rischiano il collasamento da un giorno all’altro. Una situazione che oggi deve individuare in maniera chiara di chi è la responsabilità di questa situazione, conclude Tore piana a nome del movimento politico EPI SARDEGNA.

Cagliari li 30 Gennaio 2021 Ufficio stampa EPI SARDEGNA